FoodNet | “La maternità conflittuale”
16686
post-template-default,single,single-post,postid-16686,single-format-standard,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-theme-ver-13.9,qode-theme-bridge,wpb-js-composer js-comp-ver-5.4.7,vc_responsive

“La maternità conflittuale”

“La maternità conflittuale”

Ricerca di un percorso nella cura dei disturbi alimentari:
dalla struttura secondaria all’organizzatore emotivo di base

di Sabba Orefice

Il percorso cui mi riferisco nel titolo rientra di fatto in un approccio alla psicopatologia cui faccio riferimento da anni insieme ai colleghi A.R.P.
L’orientamento attuale nella comprensione e cura dei Disturbi del Comportamento Alimentare, che descriverò qui brevemente, ha preso avvio a partire da osservazioni cliniche e ha a sua volta fornito materiale per il lavoro tutt’ora in atto sulla psicopatologia, soprattutto per quanto riguarda il criterio della differenziazione tra sentimenti di base del Sé, vicissitudini relazionali e organizzazioni sintomatologiche.
In questo scritto ometterò volutamente tutte le considerazioni sulla psicopatologia del Sé emergente e delle sue evoluzioni nell’adolescenza, che mi riservo di descrivere in un altro momento. L’obiettivo è invece “raccontare” sinteticamente una modalità di lavoro clinico, in parte già consolidata ma in continua evoluzione, che apre
interessanti prospettive su questa complessa patologia.
I disturbi alimentari sono sindromi cliniche complesse, con definizioni diagnostiche tra le più minuziose e dettagliate del DSM – sia nella versione IV1 che nella più recente 52 – seppure sia comunque difficile includere nelle definizioni le molte variabili di decorso3, sia dal punto di vista della gravità che delle fasi di cronicizzazione e acuzie.

Perché si strutturi un disturbo alimentare vero e proprio sono necessari elementi clinici ben definiti, che poco hanno a che fare con i canoni estetici a cui fanno tanto spesso riferimento i mass media; notizie e dibattiti sul tema non tengono conto della differenza tra “problemi alimentari” e “disturbi alimentari” veri e propri e finiscono per contribuire al peggioramento di situazioni già compromesse, ma non sono da soli in grado di strutturare un disturbo alimentare.

Leggi tutto l’articolo:
Maternità conflittuale – Sabba Orefice

 

No Comments

Post A Comment